Login


Register | Recover Password
 

Indipendente

€18.000

Roccalvecce

Dettagli

  • €18.000
  • Appartamento
  • Camere da letto: 1
  • Bagni: 1
  • Mq: 50 Mq

La Casetta delle Nicchie: indipendente ai piedi del Castello Costaguti

VIDEO VISITA DISPONIBILE SU RICHIESTA
VITERBO/ ROCCALVECCE- Nel piccolo suggestivo borgo di Roccalvecce, appartamento di circa 50 mq su due livelli, con accesso indipendente e piccolo balcone.
L’appartamento si compone al piano terra di ingresso, salottino con balcone, cucina con termocamino, ripostiglio, al primo piano di studio, camera, e bagno con doccia.
Le finestre affacciano sugli alberi del giardino storico del castello Costaguti e sulle stradine del borgo. In lontananza si vede il borgo antico di Celleno.
Dettagli caratteristici, come le nicchie di soggiorno e camera, le porte anni ’50 da recuperare, i travi in legno del piano superiore.
La casa è parzialmente da riammodernare: tetto e solai sembrano in buone condizioni, le finestre sono state sostituite pochi anni fa e sono in metallo con vetro doppio, le persiane anche sono in  buone condizioni, parte dei pavimenti in graniglia di marmo sono in condizioni perfette, ma impianti, parte degli intonaci, e bagno sono da rifare.

Posizione comoda, facilmente raggiungibile in macchina, con parcheggi vicini.
Il paesino ha pochissimi abitanti stabili e non ha negozi, per fare spesa bisogna arrivare alla vicina Sant’Angelo, a cinque minuti, o a Celleno, a dieci.
Con mezz’ora, invece, si raggiunge la città di Viterbo, Orvieto, il lago di Bolsena, il casello dell’autostrada Roma Firenze, o la stazione ferroviaria di Attigliano, con treni per Roma. Roma stessa è a poco più di un’ora.

Il borgo di Roccalvecce, frazione del Comune di Viterbo, è una delle perle della Tuscia ancora tutte da ri-scoprire: un borgo arroccato, armonioso e panoramico, dominato dall’imponente castello Costaguti, inserito nella zona della Teverina Viterbese, famosa per la presenza di Civita di Bagnoregio e per la Valle dei Calanchi, ma invece ricchissima di borghi, bellezze naturali, e tesori enogastromici.

Google+ Print
Torna in cima